Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Stato Civile

Che cosa si intende per residenza?
La residenza è il luogo dove una persona ha la propria dimora abituale, cioè quello in cui trascorre la maggior parte del proprio tempo.

Chi si deve iscrivere all’A.I.R.E.?
Tutti i cittadini italiani – ovunque siano nati – che risiedono fuori dal territorio nazionale. Ricordate che l’iscrizione all’A.I.R.E. è obbligatoria.

Come ci si iscrive all’A.I.R.E.?
La richiesta di iscrizione all’A.I.R.E. deve essere fatta dall’interessato tramite la Cancelleria Consolare del luogo di residenza la quale, dopo averne constatato l’effettiva permanente residenza, provvederà ad inoltrarla al Comune italiano competente.
La Cancelleria Consolare, qualora abbia accertato autonomamente l’effettiva residenza nella circoscrizione può procedere all’iscrizione d’ufficio anche senza una diretta iniziativa da parte del cittadino interessato.
In ogni caso il cittadino sarà informato dell’avvenuta iscrizione all’A.I.R.E. per mezzo di un atto amministrativo del Comune, che gli sarà notificato direttamente dallo stesso Comune oppure dalla Cancelleria Consolare del luogo di residenza.
I cittadini italiani residenti al di fuori dell’Italia sono tenuti a comunicare al proprio Comune d’iscrizione anagrafica e tramite l’Ufficio Consolare del luogo di residenza, ogni variazione relativa a:
-indirizzo cittadinanza
-stato civile
-composizione del nucleo familiare

La tempestiva comunicazione alla Cancelleria Consolare dei cambiamenti riguardanti la propria situazione anagrafica – oltre ad essere un dovere del cittadino – consentirà agli Uffici italiani di mantenere sempre aggiornate le informazioni riguardanti i cittadini residenti all’estero, facilitando sia l’erogazione di tutti i servizi eventualmente richiesti in Italia o all’estero, sia il contatto fra la Cancelleria Consolare e cittadini italiani residenti nella circoscrizione.

Quando devo comunicare le variazioni sopravvenute?
I cittadini italiani che trasferiscono la loro residenza da una circoscrizione ad un’altra hanno l’obbligo di comunicare entro 90 giorni il nuovo domicilio dichiarando anche la composizione del proprio nucleo familiare.
I cittadini italiani che risiedono nella circoscrizione consolare hanno l’obbligo di comunicare entro 90 giorni il loro cambiamento di indirizzo.I cittadini italiani che hanno fissato la residenza all’estero da oltre 90 giorni devono aggiornare presso la Cancelleria Consolare il loro indirizzo.

Approfondimenti
  • E-mail per ulteriore informazione: anagrafe.assunzione@esteri.it